top of page

Vini di mare
e tradizione di terra

valle-di-lazzaro.jpg

Valle di Lazzaro

Piccola realtà elbana con vini di tradizione come l’Ansonica, il Vermentino, il Procanico e l’Aleatico accompagnati da uno Chardonnay in barriques di altissimo livello. Notevole il rosato ottenuto da un blend di Sangiovese ed Aleatico. Le vigne situate praticamente sugli scogli donano ai vini grande mineralità e carattere.

PORTOFERRAIO, LI

Come una volta, ma
con spirito moderno

Piccaratico.jpg

Fattoria Piccaratico

Un’azienda in conversione biologica nelle campagne di Vinci. Il Chianti è realizzato con la ricetta di una volta, con un tocco di trebbiano che lo rende più fluido e beverino, ma con l’ausilio della tecnologia, quindi pulito e senza spigoli. Da provare il bianco Inganno Felice e l’ancestrale Gazza Ladra.

VINCI, FI

Vitigni di antica tradizione
e metodi biodinamici

Sequerciani.jpg

Sequerciani

Azienda di Gavorrano, nell’alta Maremma, dove si coltivano solo vitigni di antica tradizione, quindi uve tradizionali allevate con metodi biodinamici. I vini ottenuti hanno apporto chimico pari a zero e alcuni sono vinificati in anfora. Grano, extravergine e miele, tutti biodinamici, completano la produzione.

GAVORRANO, GR

Il piglio di Marilena per bianchi e rossi di territorio

cantine-barbera.jpg

Cantine Barbera

Da una cantina storica del sud-ovest siciliano un’ottima gamma di vini bianchi e rossi di territorio che racchiudono tutti i gli aromi e i sapori della splendida isola. La spiccata personalità di Marilena Barbera si esalta nella conduzione biologica e biodinamica delle vigne.

MENFI, AG

I Soave e le bollicine
di Durello

Dama-del-rovere.jpg

Dama del Rovere

Nasce con la vendemmia 2003 a Brognoligo nella zona di produzione del Soave in provincia di Verona, dal lavoro di Massimo e Davide Prà, quarta generazione di una famiglia di viticoltori. Oltra al Soave, si vinifica spumante di Durello dalla intrigante mineralità. 

MONTEFORTE D’ALPONE, VR

Dal cuore della Toscana vitigni tradizionali e internazionali

LOGO-LE-PALAIE_oro.jpg

Le Palaie

Bella azienda al centro delle colline pisane, un territorio da valorizzare con vini che coniugano vitigni tradizionali ed internazionali per raggiungere livelli di grande piacevolezza con ottimo rapporto qualità prezzo. Particolarmente interessante il viognier.

 PECCIOLI, PI

L'insolito tra le colline
e il Tirreno

LOGO-INCONTRI.png

Incontri

A Suvereto, patria dei vini della Val di Cornia, solitamente voluminosi e potenti fatti con vitigni internazionali, Alessandro Martelli in controtendenza coltiva le vigne in biodinamica e produce ottimi vini dalla beva incisiva e dal carattere nostrano.

Da provare il Vermentino e il Trebbiano macerati.

SUVERETO, LI

In ogni singola bottiglia
il significato del territorio

Bellese.jpg

Vini Bellese

Il lavoro dell’azienda trevigiana è racchiuso dentro ogni singola bottiglia. Con umiltà cercano di trasmettere in un piccolo contenitore tutto quello che per loro significa territorio. Prosecco e Raboso tra i mossi e Refosco tra i fermi sono i vini che si fanno ricordare.

RONCADELLE DI ORMELLE, TV

Due zone e tre vini

la-vigna-san-martino.jpg

La Vigna di San Martino ad Argiano

Tre vini da una microazienda nuovissima: Chianti classico riserva, di cui è adesso disponibile l’annata 2017, e Vinsanto del Chianti Classico. E l’utlimo arrivato: un sorprendente e imperdibile bianco da uve Muller-Thurgau provenienti da un vigneto a Vicchio di Mugello.

SAN CASCIANO VAL DI PESA, FI

Vini biologici certificati da terreni terrazzati

Castagnoli.jpg

Castagnoli

Un’azienda che non ha raggiunto la notorietà che si merita nel cuore del Chianti Classico. Terreni terrazzati, con galestro affiorante, viti ad alberello. Vini biologici certificati, molto legati al territorio, minerali e pieni, austeri ed eleganti.

CASTELLINA IN CHIANTI, SI

Esoterismo e originalità
in vini magici

Clio-Cicogni-Winery.jpg

Clio Cicogni

È facile lasciarsi incantare dalle splendide etichette ispirate alle carte dei tarocchi disegnate da Valentina Naldini, ma noi siamo qui per parlare dei preziosi liquidi che le bottiglie contengono. Gran parte della produzione verte su vitigni internazionali e viene realizzata in anfore di terracotta.

MONTEVARCHI, AR

La ricercatezza che
viene dal nord

logo-la-smeralda.png

La Smeralda

Un'azienda dei colli novaresi. Il bianco da uve Erbaluce è un piccolo capolavoro; particolare ed unico l’Uva Rara. Sempre ottimi e affidabili i due Nebbiolo, uno fatto in acciaio e l’altro in legno.

BRIONA, NO

Vini forti e gentili come
la terra che li genera

logo-Tenuta-Cerulli-Spinozzi.png

Tenuta Cerulli Spinozzi
Dalle colline abruzzesi poco lontane da Teramo, ecco i vini da vitigni autoctoni - montepulciano, trebbiano, pecorino e passerina - che danno vita a tre linee complementari di etichette, Gruè. Cortalto e Torre Migliori: tre declinazioni diverse di una tradizione vitivinicola che interpreta al meglio il bere contemporaneo.

CANZANO, TE

Dal Mugello
con amore

Logo-Bacco-del-Monte.jpg

Bacco del Monte

Piccolissima e nuovissima realtà di Vicchio, con le vigne che lambiscono le sponde del lago.

Si produce Pinot Nero in due versioni: Monteprimo, con invecchiamento in legno, e Torre di Ponente, solo in acciaio. Jemini invece è un bianco di carattere da uvaggio Chardonnay e Pinot Nero.

VICCHIO, FI

Recupero della biodiversità e voglia di sperimentazione

Suveraia.jpg

Suveraia

Una piccola tenuta attiva nella conservazione e recupero della biodiversità e dei valori della tradizione aziendale. Tra i suoi vini spicca per originalità il Nocchianello Spiga di Grano, dal colore dorato e brillante, con note di agrumi, sapide e minerali.

MONTEROTONDO MARITTIMO, GR

Alla scoperta dei vini da vitigni PIWI

Nove-Lune.jpg

Nove Lune

Se non avete mai assaggiato i vini fatti da vitigni PIWI (resistenti alle malattie fungine e quindi bisognosi di pochissimi trattamenti)dovete provare i vini di Nove Lune! Il loro spettro aromatico ci mette di fronte a sensazioni del tutto nuove, ma piacevoli ed equilibrate

CENATE SOPRA, BG

Sentori di Sicilia dalle pendici dell'Etna

tenuta-papale.jpg

Tenuta Papale

A Belpasso, comune situato alle pendici dell’Etna, sorge Tenuta Papale, azienda agricola specializzata nella coltivazione di prodotti tipici del territorio siciliano. Etna rosso, chardonnay, vini dolci tradizionali, olio d’oliva per una bella gamma di tipicità etnee.

BELPASSO, CT

Due etichette dedicate
a chi ama vini non usuali

logo-battegazzore.jpg

Battegazzore
Bruno Battegazzore, architetto con una grande passione per la terra e il vino, si è lanciato nell’avventura enologica da pochi anni. I due vini dell’azienda, ottenuti da uve di timorasso, sono il Derthona, più snello e cristallino, e il Maggiora con corpo più pieno ed un potenziale di invecchiamento maggiore. Tre etichette dedicate agli amanti dei bianchi minerali da vitigni autoctoni.

TORTONA, AL

Vini gioiosi ed esuberanti
da uve tradizionali e non

ferretti-vini.jpg

Ferretti Vini

Azienda familiare emiliana che unisce tradizione ed innovazione. Accanto al tipico lambrusco di Sorbara si producono bianchi macerati da trebbiano e malvasia e champenoise da uve di fortana. Vini gioiosi ed esuberanti con certificazione biologica.

CAMPEGINE, RE

Un'oasi piccola
e straordinaria

querciolo-logo-.jpg

Il Querciolo

Micro azienda della Val di Chiana che produce due etichette da uva Syrah: Gruccione più opulento, speziato e corposo, maturato in barriques, e Occhio di Civetta, più dinamico e grintoso, solo acciaio, frutto di una vendemmia leggermente anticipata.

In futuro si produrrà un rosato, sempre da Syrah, e un bianco da Viognier.

MARCIANO DELLA CHIANA, AR

Piccola azienda, grandi vini

casaraia.jpg

Casa Raia

Piccolissima azienda ilcinese che produce un Brunello biologico oltre ad un rosso da uvaggio e ad un rosé da sangiovese. Non più di quattromila bottiglie per vini dalla personalità profonda e dal gusto morbido, ma potente. Una chicca imperdibile per gli appassionati di Montalcino.

MONTALCINO, SI

Carattere umbro,
qualità contadina

Cantina-Roberto-Lepri.png

Roberto Lepri

Azienda di vini naturali alle porte di Perugia.

Il Trebbiano viene prodotto sia nella versione bianco che macerato. Ottimi i rossi da Sangiovese e Merlot, sorprendente il Pinot Grigio.

Ogni etichetta proposta ha un ottimo rapporto qualità/prezzo.

 

PERUGIA, PG

Il cuore della Toscana
ha un cuore biologico

Basile-cantina-biologica.png

Basile
Azienda biologica fin dalla sua creazione avvenuta trenta anni fa su terreni vergini, mai coltivati prima.

Il vermentino dai profumi affascinanti, i rossi dal carattere maremmano, fra questi spicca AD AGIO che miete premi ogni anno.

LORO CIUFFENNA, AR

Vitigni tradizionali
con vinificazioni in anfora

logo-marchisio.jpg

Marchisio
Azienda familiare piemontese, zona del Roero. La produzione è quella dei vitigni tradizionali come arneis, nebbiolo, barbera e dolcetto, ma si sviluppa seguendo i principi della coltivazione biodinamica e delle vinificazioni in anfora. Assolutamente da provare gli spumanti ed il pinot nero.

CASTELLINALDO D’ALBA, CN

Gli autoctoni a due passi
da Ponte Vecchio

Logo-la_querce.png

La Querce

Piccola azienda biologica di Impruneta, alle porte di Firenze, concentrata soprattutto sui vitigni autoctoni, Sangiovese in primis, ma con una particolare attenzione per il Canaiolo, realizzato sia come vino secco dalla beva facile e disinvolta, sia dolce con appassimento delle uve.

IMPRUNETA, FI

Tradizione e modernità
nel Chianti

Vallone di cecione.jpg

Vallone di Cecione

Il Vallone di Cecione è una piccola azienda agricola biologica, che si dedica a una agricoltura antica e naturale. I vini sono prodotti con sistemi biodinamici. Sempre ottimi il rosato, il chianti classico e soprattutto il Campo dell’Orzo. Il Canaiolo e la Malvasia Nera sono due piccoli gioielli.

PANZANO IN CHIANTI, FI

Dai vigneti, all'olio fino all'accoglienza agrituristica

Macinatico.jpg

Macinatico

Barbara, Luca e Andrea rappresentano la terza generazione dei Massi che nel 1956 si stabiliscono nelle campagne a metà strada tra San Gimignano e Certaldo. I vigneti occupano la parte più cospicua di un centinaio di ettari con uve soprattutto di vernaccia e sangiovese e in quantità minori di trebbiano, merlot, cabernet sauvignon, canaiolo e colorino, tutte curate secondo criteri che rispettano l’equilibrio ambientale e la tutela del territorio.

SAN GIMIGNANO, SI

Vini popolari, naturali, sorprendenti

Elda-Cantine.jpg

Elda Cantine

Siamo nel nord est della Puglia, vicino al confine con la Campania, esattamente a Troja, e il vitigno che la fa da padrone è ovviamente il Nero di Troja dal quale si ottiene anche un rosato ancestrale.

I due Pop, bianco e rosso, sono vini naturali proposti a un prezzo contenuto per poter fa bere bene in tutte le occasioni. 

TROIA, FG

Vini di rustica
nobiltà contadina

logo-castagnini.png

Castagnini
Le terrazze prospicienti Carrara sono la sede dell’antica doc Candia dei colli apuani che interessa un territorio dal grande potenziale. Qui si coltivano e vinificano vitigni antichi come il vermentino nero e la massaretta, oltre ad altri più conosciuti. I vini che si ottengono hanno tutti una rustica nobiltà contadina che li contraddistingue.

CARARRA, MS

Dalle colline di Lucca
vini con grinta e personalità

logo-colle-di-bordocheo.jpg

Colle Di Bordocheo
Le dolci colline ad est di Lucca ospitano quest’azienda che, lavorando in regime biologico, dà vita a ottimi vini dalla notevole grinta e personalità. Fra tutte le etichette si distinguono il trebbiano Seimiglia e il syrah Lanaria, ma il vero valore dell’azienda sta anche nella qualità dei vini di base.

CAPANNORI, LU

bottom of page